Aggregatore Risorse

 Gubbio

Gubbio

La Città dei Ceri

Cenni Storici

L’antica città di Gubbio, Ikuvium o Iguvium, fondata dagli Umbri ai piedi del Monte Ingino, fu tra i centri più importanti dell’Umbria antica che, nella ripartizione di Augusto del I sec a C., era limitata ad ovest dal Tevere ed estesa ad est fino all’Adriatico.

Le preziose Tavole Iguvine (III – I Secolo a.C), sette tavole bronzee inscritte in lingua umbra con ampie descrizioni di riti religiosi ed indicazioni sull’ordinamento della città, sono la più importante testimonianza degli antichi Umbri. Rinvenute nel 1444 da una contadina nei pressi del Teatro Romano, furono acquistate poi dal Comune nel 1456 con atto notarile e oggi conservate nel Palazzo dei Consoli.

Nel 90 a.C. divenne municipio Romano ma, già nel III sec. a.C., Gubbio aveva stipulato accordi con Roma per la fornitura di contingenti militari. La vicinanza con il passo appenninico di Scheggia e con la Flaminia che l’attraversa contribuirono certamente alla sua fortuna.

Dal V sec subì occupazioni e distruzioni (Goti, Bizantini Longobardi), nel XII secolo, liberandosi dall’autorità del vescovo, costituì un autogoverno comunale. Dal 1262 sino al 1350 ebbe un lungo periodo di pace e di prosperità, con grande sviluppo urbanistico tra cui le mura e gli imponenti Palazzi Comunali.

Nel 1384, dopo un trentennio di aspre lotte intestine con la Chiesa, venne occupata dai Montefeltro di Urbino, la dominazione di Urbino proseguì sino al 1631 con i Della Rovere. Fu un periodo d'oro per la città che fiorì culturalmente e artisticamente. La decadenza economica e politica ricominciò con la nuova sottomissione allo Stato della Chiesa. Nel 1860, poco dopo l’annessione al Regno d’Italia, Gubbio fu aggregata all’Umbria.

A passeggio tra chiese, palazzi medievali, terrazze panoramiche e curiose tradizioni

In origine sede del mercato medievale, Piazza Quaranta Martiri si presenta come l'ingresso al centro storico della città, circondato da edifici di pietra calcarea. Qui, un giardino offre la prima vista panoramica del borgo che si estende sulle pendici del Monte Ingino. Numerose chiese si affacciano su questa piazza, tra cui la duecentesca Chiesa di San Francesco, costruita sui terreni della famiglia Spadalonga, la quale accolse e vestì San Francesco dopo l'abbandono della casa paterna. Non lontano dalla piazza, ci si può addentrare poi nell’area archeologica, dove spiccano i resti del Teatro Romano e l’Antiquarium, risalente al II-I secolo a.C, considerato uno dei più grandi del suo tempo con la possibilità di ospitare ben 6.000 spettatori.

Dalla parte bassa della città si può salire per arrivare a Piazza Grande, un’imponente terrazza soprelevata, dove si affacciano gli edifici più importanti, come il Palazzo dei Consoli, simbolo della città, fondato nel 1332, ora sede del Museo Civico e della Pinacoteca Comunale, che ospita le celebri Tavole Eugubine, nonché interessanti collezioni, tra cui quelle delle ceramiche, con splendidi esempi di manufatti realizzati con la tecnica del “lustro eugubino”. Dalla terrazza di Piazza Grande si gode di un magnifico affaccio panoramico sulla campagna sottostante, che si apre da uno dei suoi lati.

A circa duecento metri dalla Piazza, percorrendo via dei Consoli, si raggiunge la Fontana del Bargello, posta di fronte al trecentesco palazzo omonimo, che ha fatto conoscere Gubbio come la ‘’città dei matti’’. Si racconta che girando tre volte intorno alla cinquecentesca fontana e bagnandosi con la sua acqua si possa ottenere la "patente di matto", una particolare pergamena richiedibile all’Associazione Maggio Eugubino o nei negozi di souvenir accanto. Un vero e proprio rito, risalente al all’Ottocento, che prende ispirazione dalle “birate”, i giri che fanno ancora i Ceri in piazza Grande, durante la famosa Festa del 15 maggio.

Altro sito di interesse, in centro storico, è il Duomo di Gubbio, la Cattedrale dedicata a San Mariano e San Giacomo costruita tra il XIII e il XIV secolo in stile prevalentemente gotico. Qui, di fronte, è possibile visitare anche l’elegante Palazzo Ducale, unico esempio di architettura rinascimentale del borgo, costruito grazie al duca di Urbino Federico da Montefeltro nel 1470, dover poter ammirare, tra le altre opere pittoriche antiche e contemporanee e un giardino pensile con panorama, una replica dello studiolo di Federico con una suggestiva struttura in legno, di cui l’originale oggi si trova al Metropolitan Museum di New York.

Il centro storico di Gubbio è un vero e proprio concentrato di vitalità, con diversi locali dove assaggiare le eccellenze della cucina tipica contadina. Si spazia dal rinomato tartufo, fino al brustengo o alla crescia, gustose focacce locali ripiene di formaggi e insaccati, accompagnate da insalate di erbe campagnole. E ancora, da non perdere il friccò all’eugubina, uno spezzatino di carni miste (pollo, coniglio e agnello) arricchito con erbe aromatiche e acciughe.

Esplorando i dintorni

Appena fuori dal centro storico ci si può immergere nella natura, arrivando alla Gola del Bottaccione, una valle fluviale creata dall’azione erosiva del torrente Carmignano tra il Monte Ingino e il Monte Foce, le cui rocce hanno un importante valore geologico e storiografico, associato all’estinzione dei dinosauri. Qui, sarà possibile percorrere un sentiero passando per il suggestivo acquedotto medievale, che dal 1300 fino agli inizi del ventesimo secolo ha portato l'acqua a Gubbio. Si ha la possibilità di ammirare tra le campagne incontaminate e il corso d’acqua anche l’Eremo di Sant’Ambrogio, arroccato sulle pendici del monte e costruito nel XIV secolo vicino a una cittadella preistorica con mura ciclopiche.

Al di fuori del centro medievale, altro sito di grande interesse è la Basilica di Sant’Ubaldo, patrono di Gubbio. La si può raggiungere tramite una passeggiata a piedi di circa 2 km e 300 metri di salita, in MTB oppure prendendo una funivia. Qui vengono conservate le spoglie del Santo, insieme ai grandi e rinomati Ceri.

Appuntamenti a Gubbio

L’evento storico più importante di Gubbio è senza dubbio la Festa dei Ceri, una delle più antiche manifestazioni folkloristiche italiane, che si ripete ogni anno dal 1165, il 15 maggio, in onore di Sant’Ubaldo. Un evento che attira visitatori da tutto il mondo per le potenti emozioni che suscita. E ancora, sempre secondo tradizioni medievali, per vivere a pieno lo spirito eugubino, durante il periodo pasquale da non perdere è la suggestiva Processione del Cristo Morto, che affonda le sue origini nel lontano XIII secolo. Nel periodo natalizio, invece, si può ammirare uno spettacolo senza precedenti grazie all’Albero più Grande del Mondo.

Come arrivare

Il borgo è raggiungibile in auto attraverso Autostrada A14 Adriatica uscendo a Fano se si parte dal Nord Italia o uscendo ad Ancona – Nord se si arriva dal Sud Italia. In alternativa, si può scegliere l’Autostrada A1 del Sole con uscita ad Arezzo se si parte dal Nord Italia, oppure ad Orte se si giunge dal Sud Italia. Gubbio può essere raggiunta anche in treno con la linea ferroviaria Roma – Ancona, oppure la linea Firenze – Terontola – Perugia, scendendo alla stazione “Fossato di Vico-Gubbio”.

Aggregatore Risorse

Scopri la città

Proposta di luoghi della cultura a Gubbio, come musei o monumenti

Aggregatore Risorse

Portal search

Eventi in corso a Gubbio
Vedi tutti

Aggregatore Risorse

 dove dormire in umbria
Dove dormire a Gubbio
Scopri le migliori strutture e offerte per dormire in città

Aggregatore Risorse

Vivi la città

Principali esperienze a Gubbio e dintorni

Aggregatore Risorse

Banner: Le migliori offerte

Le migliori offerte per vivere Gubbio
Se state pensando a un soggiorno a Gubbio, ecco per voi alcune proposte per organizzare una vacanza ricca di emozioni.

Aggregatore Risorse

Immagini da Gubbio