Corciano

Necropoli etrusca di Strozzacapponi - Corciano

map thumbnail

Sono centinaia le tombe presenti, organizzate secondo un piano urbanistico preordinato: simili per struttura e dimensione, presentano un dromos (corridoio) dotato di gradini che conduceva all’ingresso, chiuso da un grande lastrone. Il vano interno sui tre lati disponeva di banchine dove venivano collocate le urne o olle con le ceneri del defunto e i relativi corredi funebri. 

Al tradizionale ceto gentilizio si affianca un gran numero di personaggi di rango inferiore, liberi o schiavi affrancati. Utilizzata tra il III secolo e il I secolo a.C., la necropoli era pertinente a un insediamento collegato all’attività estrattiva nelle vicine cave di travertino in località Santa Sabina.
Le urne, alcune esposte nell’Antiquarium comunale di Corciano, sono in genere lisce; solo in alcuni casi, presentano decorazioni scolpite arricchite da vivaci policromie. Sui coperchi è spesso inciso il nome del defunto. 

La musealizzazione della necropoli si inserisce in un più ampio progetto di percorso naturalistico-archeologico che include anche la necropoli di Fosso Rigo, utilizzata da artigiani dediti alla lavorazione della pietra.

L’area archeologica è temporaneamente chiusa al pubblico.

 

Informazioni
 


Località Strozzacapponi - Via Einaudi
06073 - Corciano (PG) 
email: cultura@comune.corciano.pg.it

Fonte Regione Umbria - Servizio Musei e soprintendenza ai beni librari