Aggregatore Risorse

Le fonti naturali di acqua in Umbria
Paesaggi d'acqua

Le fonti naturali di acqua in Umbria

Fonti e sorgenti naturali d'acqua in Umbria: una terra che dà vita attraverso le sue preziose acque.

Quattordici sorgenti di acque termali, diciassette fonti di acque minerali, sette fiumi, sei laghi, nove cascate, rapide enbsp forre. Questi i numeri dell'Umbria, una regione ricca di fonti naturali che hanno contribuito a nutrire la sua natura verde e incontaminata. Oltre alla possibilità di gustare delle ottime acque minerali aventi diverse proprietà, l'abbondanza di acqua in natura ti darà la possibilità di cimentarti in sport acquatici come il rafting, il sup, il kitesurf e il windsurf nei luoghi dedicati a queste attività.

 

Devi sapere che le acque di alcune sorgenti umbre vengono imbottigliate, altre vantano caratteristiche termali che racchiudono proprietà benefiche, mentre alcune sorgenti naturali sono legate a delle leggende.

 

Acque imbottigliate

La maggior parte delle sorgenti di acque minerali con caratteristiche oligominerali sono ubicate negli acquiferi carbonatici della dorsale appenninica, nei comuni di Scheggia-Pascelupo, Gualdo Tadino, Nocera Umbra, Foligno, Sellano, Cerreto di Spoleto, Gubbio.

A ridosso dei massicci carbonatici dei Monti Martani, oltre alle altre fonti di acqua oligominerale quali la Amerino, la Fabia e la Fonte Aura, troviamo le acque medio-minerali effervescenti naturali nei comuni di Massa Martana, San Gemini e Acquasparta. Completa il quadro delle acque oligominerali la Sorgente Tione ubicata nei complessi vulcanici del comune di Orvieto.

 

Acque termali

L'Umbria può vantare anche un patrimonio di acque riconosciute utilizzabili per gli usi termali. Le acque Sangemini, Fabia, Amerino, Sanfaustino ed Angelica, oltre ad essere imbottigliate sono fruibili anche per le cure idropiniche presso strutture termali stagionali aperte nel periodo estivo. Le Terme di Fontecchio a Città di Castello e le Terme S. Felice (meglio note con il nome di Terme Francescane) a Spello rappresentano invece due luoghi nei quali poter effettuare cure inalatorie, fanghi e bagni. La balneoterapia è riconosciuta anche per l'acqua Fonteserra di Umbertide, utilizzata presso Villa Valentina a Umbertide.
Gli Antichi Bagni di Triponzo, a Cerreto di Spoleto, sono tornati ad essere fruibili dopo oltre trent’anni.
Si tratta dell’unico stabilimento termale in Umbria alimentato con acqua solfurea ricca di calcio che, indipendentemente dalla stagione, mantiene la sua temperatura costantemente a 30°C, con notevoli caratteristiche e qualità terapeutiche.
Le terme sono interamente immerse nel verde bosco umbro: in questo luogo sgorgano 18 sorgenti di acqua termale solfurea dal colore verde smeraldo.

Altre sorgenti di acqua minerale ad uso termale attualmente non utilizzate sono:

 

Sorgenti naturali e leggende

Bevagna, fonti dell'Aiso: si tratta di una sorgiva profonda oltre 15 metri, ma con una superficie di appena 500 metri quadrati. Una leggenda, nota sin dal XVII secolo, collega al lago la scomparsa dell'ingrato contadino Chiarò che fu punito per aver lavorato i campi nel giorno della festa di Sant'Anna e fatto sprofondare nel lago con tutta la sua casa.

Sellano, Forfi: esiste una grotta in cui l'acqua, traspirando dalle pareti, forma piccole vasche naturali alle quali vengono attribuiti poteri rigeneranti.

Al Monte Subasio esistono circa 88 sorgenti, tra le quali quella del Fosso delle Carceri sembra essere indicatore dell'arrivo di qualche sventura. La sorgente ha infatti carattere intermittente, sgorgando ogni 20/30 anni circa; ogni volta che è iniziata a zampillare nuovamente, si sono verificati fatti negativi o disgrazie. Semplici coincidenze?

Fonti del Clitunno: di queste fonti ne parlava proprio Plinio il Giovine, con queste parole: "Hai mai veduto le Fonti del Clitunno? Se non ancora, e credo di no, altrimenti me ne avresti parlato, valle a vedere. Io l'ho viste da poco e mi rammarico di averlo fatto troppo tardi". Si diceva che le acque del Clitunno conferissero ulteriore candore al bianco mantello dei buoi che qui erano soliti abbeverarsi ed immergersi.

Marker
Tappa 1
Scheggia-Pascelupo
Marker
Tappa 2
Gualdo Tadino
Marker
Tappa 3
Nocera Umbra
Marker
Tappa 4
Foligno
Marker
Tappa 5
Sellano
Marker
Tappa 6
Cerreto di Spoleto
Marker
Tappa 7
Gubbio
Marker
Tappa 8
Massa Martana
Marker
Tappa 9
San Gemini
Marker
Tappa 10
Acquasparta
Marker
Tappa 11
Orvieto
Marker
Tappa 12
Città di Castello
Marker
Tappa 13
Spello
Marker
Tappa 14
Umbertide
Marker
Tappa 15
Parrano
Marker
Tappa 16
Castel Viscardo
Marker
Tappa 17
Alviano
Marker
Tappa 18
Lugnano in Teverina
Marker
Tappa 19
Bevagna