Città

Costacciaro


Ufficio informazioni accoglienza turistica
Via della Repubblica 15 - 06024 Gubbio
info@iat.gubbio.pg.it
STORIA
Di presunte origini romane, le prime notizie storicamente significative e scientificamente documentate risalgono al XIII secolo, quando l'antico Castello, a ridosso del Monte Cucco lungo la Via Flaminia, fu acquistato dal Comune di Gubbio, cui rimase legato fino alla devoluzione del ducato d'Urbino allo Stato della Chiesa (XVII secolo), per entrare, successivamente, a far parte del Regno d'Italia (1860).
ARTE, CULTURA, AMBIENTE

Tra i monumenti del centro storico da non perdere una visita alla chiesa di San Francesco, XIV secolo, con facciata in pietra calcarea del Monte Cucco. La struttura a tre navate con abside profonda, è ornata da affreschi alla maniera di Matteo da Gualdo e di altari lignei seicenteschi.
Interessanti le quattro porte urbiche che si aprivano nel circuito delle mura di Costacciaro: porta dell'Orologio, porta del Trióne o del Rivellino, porta cosiddetta di Guerrino Gambucci, porta del Monumento o di San Lorenzo. Da vedere anche i resti della Rocca del Càssero e della cinta muraria con la Torre Civica del XIII secolo.

L'interesse paesaggistico e naturalistico del Parco del Monte Cucco, oltre ai prati e ai secolari boschi di faggio, è costituito soprattutto dallo sterminato sistema di grotte, frutto di fenomeni carsici, dalle forre, dalle sorgenti in quota e da corsi d'acqua incontaminati. L'area è un vero e proprio paradiso per gli amanti delle escursioni, della speleologia e del deltaplano.
Per la loro unicità, meritano una visita il "Borgo didattico" e il Centro escursionistico naturalistico e speleologico, ubicato nell'ex monastero delle Benedettine, dette "Santucce" (sec. XIII-XV), e il Museo-laboratorio del Parco di Monte Cucco, situato nell'ex chiesa di San Marco evangelista.