Città

San Gemini


Ufficio informazioni accoglienza turistica
Via Cassian Bon, 4 - 05100 Terni
info@iat.terni.it
STORIA
Il borgo di San Gemini sorge in età medievale sul sito di una villa romana della seconda metà del I secolo a.C. I resti del complesso (visibili all'interno di un edificio in via del Tribunale) si dispongono a breve distanza dal percorso antico della via Flaminia, in posizione sopraelevata e sono formati da diversi ambienti pavimentati con ricche decorazioni a mosaico. Il borgo assunse il nome di San Gemini nel IX secolo, quando un monaco di nome Gemine, proveniente dalla Siria, vi cominciò a predicare, istruendo e beneficando a tal punto da far designare la cittadina come la città di "Santo Gemine". Le notizie storiche narrano di una devastazione dei Saraceni nell'882 e di un'alternanza di dominazioni tra la città di Narni e la Chiesa. Quando il territorio passò definitivamente sotto lo Stato Pontificio (XVI secolo), San Gemini divenne feudo di varie famiglie (Orsini, Santacroce) fino all'Unità d'Italia (1861).
ARTE, CULTURA, AMBIENTE

Nel cuore cittadino medievale si conservano monumenti di notevole valore storico e artistico, simboli del potere laico e religioso. La duecentesca chiesa di San Francesco, sulla omonima piazza, dedicata al Santo che più volte soggiornò in città, la chiesa di San Stefano, la chiesetta Priorale di San Carlo, il palazzo del Capitano del Popolo o palazzo Vecchio, a ridosso del quale sorge la Torre Esperia, con la campana delle adunanze realizzata nel 1318 da Maestro Stefano da Orvieto.

Interessanti anche la chiesa di San Gemine (Duomo), che conserva le reliquie del Santo, l'abbazia di San Nicolò (XI secolo), il cui portale originale, venduto ad un antiquario negli anni '30, si trova oggi al Metropolitan Museum di New York. La copia perfetta, messa in sostituzione, è del 1967.

Da visitare il museo di scienze della terra Geolab, interessante museo interattivo, e il museo dell'Opera di Guido Calori, che propone la collezione delle opere pittoriche e scultoree dell’artista, oltre all'archivio, i disegni, i bozzetti e gli strumenti di lavoro che erano conservati nei suoi studi romani.

Notevole, tra Terni e San Gemini, il parco archeologico di Carsulae, antico municipio romano sorto lungo il tracciato della via Flaminia: gli scavi e le ricerche hanno permesso di riportare alla luce una buona parte della zona del Foro, con i resti della basilica e di due templi gemelli, il Teatro, l'Anfiteatro e l'arco di San Damiano che marca l'uscita dalla città della via Flaminia, oltre il quale si trovano dei monumenti sepolcrali molto interessanti. Poco distante dalla basilica è la chiesa medioevale di San Damiano edificata nell'XI secolo con massiccio reimpiego di materiale edilizio di età romana.