Castiglione del Lago

Rocca del Leone

map thumbnail


Ufficio informazioni accoglienza turistica
Piazza Gramsci 1 - 06061 Castiglione del Lago
info@iat.castiglione-del-lago.pg.it

Datazione: XII SECOLO
Attuale uso: Anfiteatro
Proprieta: Pubblica 

Ubicata all'interno dell'abitato di Castiglione del Lago, la Rocca del Leone domina la parte orientale di questo che si protende verso il Lago Trasimeno. 


L'influenza della costruzione sul centro, ha determinato probabilmente anche le origini del suo nome, attraverso un processo di fusione di suoni dal nome originario del castello, Castello del Leone, a Castillonem, poi Castiglione.L'attuale struttura della Rocca è a forma di pentagono irregolare con mura merlate alla guelfa, difesa agli angoli principali da quattro torri; un imponente mastio triangolare (alto più di 30 metri) è posizionato all'interno della cinta muraria.
I lavori per la sua realizzazione si intrapresero all'inizio del XII secolo, quando era imperatore Federico II di Svevia, per inserirlo nel sistema difensivo centrale che, partendo dalla Puglia, attraversava tutta l'Italia.
Durante la guerra tra Perugia ed Arezzo avvenuta alla fine del 1100, il preesistente Castello del Leone, venne ridotto in rovina da Enrico IV di Franconia e nel corso del 1297 i magistrati perugini decisero di fortificare l'abitato e di costruire una rocca all'interno del castello.
Gli interventi resero possibile la realizzazione della formidabile Rocca.
Durante il ‘300 furono realizzati alcuni interventi da frate Elia Coppi da Cortona e dall'architetto senese Lorenzo Maitani. Come tutti i castelli di importanza strategica subì svariati attacchi durante il XIV e tutto il XV secolo, fino a quando Giampaolo Baglioni vi stabilì la propria residenza nel 1503, disponendone successivamente il restauro e l'ampliamento del complesso.
Fu innalzato un ulteriore tratto di mura, in parte tutt'ora visibili, che partiva dal Palazzo ed arrivava nelle vicinanze del Mastio; questi aveva un sistema di accesso costituito da scale di legno poggianti su pianerottoli che, in caso di attacco, venivano ritirate.
Gli interventi aggiuntivi ed il sistema interno al Mastio lo fecero considerare uno tra i castelli europei del ‘500 più difficili da espugnare .
Nel 1550 il papa Giulio III promosse il luogo a marchesato consegnandolo in giurisdizione alla sorella ed al nipote Ascanio I Della Corgna.
Nel 1554 Ascanio I provvide a realizzare all'interno della cinta muraria una serie di giardini all'italiana ed a sostituire due torri con bastioni cilindrici, poiché la superficie tonda dava maggiore sicurezza in seguito alla comparsa dei cannoni; inoltre fece realizzare il palazzo signorile restaurando edifici trecenteschi, pare su disegno del Vignola.
La rocca è stata di proprietà della stessa famiglia fino alla morte di Fulvio II avvenuta nel 1647; poi passò sotto la giurisdizione della Camera Apostolica e dal 1860 è di proprietà del Comune di Castiglione del Lago. 

Bibliografia:
AA. VV. (1992), Guide De Agostini – UMBRIA, Novara, Istituto Geografico De Agostini
AA.VV. (2004), Umbria - Piccoli Centri della Provincia di Perugia, Cannara (PG), Arti Grafiche Antica Porziuncola
Amoni D. (2000), Castelli Fortezze e Rocche dell'Umbria, Ponte S. Giovanni (PG), Quattroemme