Città

Torgiano


Ufficio informazioni accoglienza turistica
Piazza Matteotti, 18 - Loggia dei Lanari - 06121 Perugia
info@iat.perugia.it
STORIA
Il territorio era abitato in epoca romana, come attestano i ritrovamenti archeologici della zona (resti di una villa, epigrafi). In seguito fu occupato dai Goti e dai Longobardi.
Nel XIII secolo fu eretto il castello e Torgiano entrò a far parte dei domini del Comune di Perugia, città di cui seguì le vicende. Con la sconfitta di Perugia nella "Guerra del Sale" (1540), divenne territorio dello Stato della Chiesa e vi rimase, salvo il periodo dell'occupazione francese (1798), fino al 1860 quando si unì al Regno d'Italia.
ARTE, CULTURA, AMBIENTE

Nel centro storico è possibile ammirare la Torre Baglioni, testimonianza dell'antica cinta muraria fortificata, e due fontane, opera dell'artista Nino Caruso: la Fonte di Giano e la Fonte dei Cocciari. Torgiano è ricca di edifici religiosi, come la Chiesa di San Bartolomeo, edificata nel XVIII secolo sopra un'antica pieve medievale la Chiesa di Santa Maria del Castello e la Chiesa della Madonna dell'Ulivello, l'Oratorio della Misericordia. All'interno della Chiesa della Madonna dell'Ulivello si possono ammirare tele del XVI e XVII secolo, mentre l'Oratorio di Sant'Antonio propone affreschi del XVI secolo.

Torgiano annovera ben due musei, entrambe gestiti dalla Fondazione Lungarotti: il Museo del Vino, uno dei più famosi musei enologici in Italia, ideato e realizzato da Giorgio e Maria Grazia Lungarotti nel 1974, che ha sede nel seicentesco Palazzo Graziani-Baglioni di epoca barocca, ed il Museo dell'Olivo e dell'Olio, situato in un piccolo nucleo di abitazioni medioevali all'interno delle mura castellane, dove sono conservati documenti, incisioni, recipienti d'epoca per la conservazione ed altri oggetti storici.

Nei dintorni, Brufa, località nota per essere tappa della Strada del Vino e dell'Arte, ospita ogni anno artisti che lasciano le proprie sculture sul territorio, dando vita ad un museo all'aria aperta. A Miralduolo è da visitare la Chiesa di Santa Maria in Bucarelli, lascito benedettino del XIV secolo che conserva una Maestà affrescata dello stesso periodo.
Da vedere anche la Chiesa della Madonna del Ponte in località Ponterosciano e la Chiesa del Crocifisso e di San Lorenzo a Pontenuovo.