Trekking urbano

Percorso tra i vicoli di Città della Pieve

Città della Pieve vista attraverso i suoi vicoli e le sue strade: un tesoro da scoprire ad ogni passo.

map thumbnail


Ufficio informazioni accoglienza turistica
Piazza Gramsci 1 - 06061 Castiglione del Lago
info@iat.castiglione-del-lago.pg.it

A cavallo tra le verdi colline tra l'Umbria e la Toscana, tra il monte Arale e il monte Amiata, sorge il bellissimo centro di Città della Pieve. Si tratta di un posto unico, dall'architettura molto particolare e dalla conformazione urbanistica che si discosta dalle caratteristiche tipicamente umbre: nel 1188 Castel del Pieve, si proclama un libero Comune, emancipandosi da Perugia. I pievesi creano quindi una struttura urbana che testimonia la presenza dei cavalieri, con strade larghe, mentre le strade a ridosso più strette e frammentate testimoniano la presenza di cittadini che passeggiavano per le strade.

Ti proponiamo di visitare questa città attraverso un tour che percorre i suoi vicoli, attraversando il cuore del centro storico, alla scoperta di angoli dalla vista stupenda e suggestive strade.

Una volta giunto a Città della Pieve, segui le indicazioni blu che ti conducono in un labirinto di angoli suggestivi, luoghi della memoria e spazi che rappresentano per i pievesi punti di incontro. Parti da Via delle Scuole Pie, sul versante nord-est del centro storico, che deve il suo nome al Palazzo Orca che fino all'Unità d'Italia fu sede delle Scuole Pie. Subito dopo piazza Giacomo Matteotti, lungo la centrale strada che conduce a Piazza Plebiscito, percorri Via Borgo di Giano, la riconosci dall'alta torre che vi si trova. Passa al vicolo Via delle Nottole, dove vi erano delle antiche botteghe dedicate alla produzione di botti; poco dopo trovi Via Roma, l'antica Via del Vecciano ossia la vecchia porta dell'originario centro urbano. Passa poi a via Manni, ex via Lombardia, una delle strade più antiche di Città della Pieve: qui abitavano le maestranze lombarde dedite alla lavorazione del laterizio. Tra i vicoli non potrai non vedere due belle piazze: Piazza Antonio Gramsci, l'antica piazza del forno, e piazza Plebiscito, la piazza principale di Città della Pieve, dove si affaccia la facciata della Cattedrale dei Santi Gervasio e Protasio.
Il percorso ti condurrà poi in Via Fiorenzuola, la strada dei mercanti fiorentini, per Piazza di Spagna, Piazza XIX Giugno, l'ex piazza del Mercato, fino a condurti per due strade molto particolari. La prima è Via del Barbacane che deve il suo nome al rincalzo difensivo  delle mura medievali prospicienti. La seconda strada che ti consigliamo di percorrere è Via Baciadonne che incontri poco dopo l'Oratorio di Santa Maria dei Bianchi, dove è conservata L'adorazione dei Magi del Perugino. Questo vicolo è considerato uno dei più stretti d'Italia ed è nato probabilmente per separare dei confinanti in lite tra loro. Percorso il vicolo, fermati a guardare il panorama che si staglia dinnanzi a te: a sinistra l'Umbria e la provincia di Terni, a destra la Toscana e la zona di Chiusi.

Il tuo percorso a piedi per i vicoli della città non può non essere accompagnato dalla degustazione di uno dei prodotti più preziosi della terra in Umbria: lo zafferano di Città della Pieve.