Città

Giove


Ufficio informazioni accoglienza turistica
Piazza Augusto Vera - 05022 Amelia
info@iat.amelia.tr.it
STORIA
In epoca romana acquisì grande importanza grazie al porto fluviale di San Valentino sul Tevere, come testimoniano i numerosi reperti archeologici rinvenuti, tra cui monete, tombe e resti di ville romane. Come gli altri feudi vicini, il territorio ed il castello di Giove, per la sua posizione, fu a lungo conteso tra i comuni vicini, i signori di Alviano e la Chiesa fino a quando papa Urbano VI lo assegnò (1328) alla famiglia degli Anguillara togliendolo al dominio di Orvieto. Nel 1465 gli Amerini occuparono il castello e lo consegnarono a Paolo II Farnese. Nel XVI secolo, alla signoria dei Farnese subentrò quella dei Mattei, che fecero erigere una parte del maestoso palazzo Ducale
ARTE E CULTURA
Il centro storico è un classico esempio di impianto medioevale, del quale rimangono parte della cinta muraria e alcuni torrioni.
Sulla porta di ingresso del borgo, detto anche "Borgo Vecchio", è visibile il monogramma "IHS" di San Bernardino, che evangelizzò queste terre all'inizio del XV secolo.
Il monumento più noto è il Palazzo Ducale, imponente opera a pianta quadrata e delimitata da due possenti torrioni angolari, iniziato a costruire nel XVI secolo su volontà del Duca Ciriaco Mattei per recuperare a residenza privata un antico castello medievale. I saloni interni sono ornati da pitture con soggetto mitologico realizzate da artisti della scuola di Domenichino, Veronese e Orazio Alfani. Il palazzo, di proprietà dei Conti Acquarone fino al 1985, è attualmente residenza privata del produttore cinematografico americano Charles Band.
Una curiosità: l'edificio possiede 365 finestre, una per ogni giorno dell'anno. Notevoli la loggia e la singolare rampa a spirale percorribile dalle carrozze.
Notevole la chiesa parrocchiale, dove è conservata una preziosa tela raffigurante l'Assunta attribuita alla scuola di Niccolò di Liberatore detto l'Alunno.
Da visitare anche la chiesa di San Rocco, che custodisce affreschi cinquecenteschi di scuola folignate raffiguranti scene sacre. Il 21 settembre 1969 la chiesa è stata dedicata ai caduti di tutte le guerre.