Gubbio

Piazza Grande - Gubbio

map thumbnail


Fremdenverkehrsamt
Via della Repubblica 15 - 06024 Gubbio
info@iat.gubbio.pg.it

Piazza Grande a Gubbio, tra le più suggestive realizzazioni urbanistiche medievali, fu costruita a partire dal 1321: fu realizzata nel baricentro della città, con imponenti lavori di sistemazione delle strutture di sostegno dello spazio pensile e degli stessi edifici, che appaiono quasi sovradimensionati rispetto al nucleo storico.


Palazzo dei Consoli, l'unico potato a termine, eleva la sua mole emergendo sopra la città da qualunque visuale e relazionandosi con la "Platea Communis", che accoglie la Cattedrale.

Lo spazio è fortemente scenografico ed è proiettato verso la campagna grazie alla terrazza panoramica.

La fine delle autonomie comunali, con l'avvento della signoria dei Gabrielli (1350), segna anche l'interruzione dei lavori: il Palazzo Pretorio rimarrà incompiuto mentre le sostruzioni della piazza saranno completate solo nel 1482.

 

Palazzo dei Consoli e il Museo Civico

Palazzo dei Consoli venne eretto tra il 1332 ed il 1349 su progetto di Angelo da Orvieto, con il contributo di Matteo di Giovannello detto il Gattapone.

A pianta rettangolare, possiede un grande slancio gotico accentuato da lesene verticali che dividono la fronte in tre parti distinte.

Le sue sale ospitano dal 1909 le collezioni del Museo Civico.
La raccolta museale è allestita su diversi piani e illustra la storia e la cultura locale, dalla preistoria al XX sec.
Di assoluto rilievo sono le Tavole iguvine, sette lastre di bronzo su cui è iscritto il più importante testo in lingua umbra e la più estesa descrizione di riti religiosi che il mondo occidentale antico abbia mai restituito. Le Tavole rappresentano il cuore di una collezione archeologica tra le più ricche dell'Umbria con reperti risalenti all'epoca umbra e romana.

Nella cosiddetta Sala della loggetta, si trova la sezione della ceramiche, che spazia dalle maioliche arcaiche (XIV sec.) ai manufatti del XIX sec.

Al piano superiore si trova invece la Pinacoteca Comunale, che illustra la cultura artistica locale dal Medioevo al Barocco.

 

Palazzo Pretorio

Fronteggia Palazzo dei Consoli l'incompiuta architettura gotica (1349), alterata nel (1475) e ancora nel'600, in origine formata da tre vaste sale sovrapposte, coperte ognuna di volte a crociera poggianti su un pilastro centrale unico; ampliato nell'800, è ora sede municipale.

A sinistra, chiude la piazza sul lato nord-orientale il neoclassico palazzo Ranghiasci-Brancaleoni, che unifica secondo modelli inglesi edifici preesistenti.