Castel Ritaldi

Pieve di San Gregorio in Nido

map thumbnail


Ufficio informazioni accoglienza turistica
Largo Ferrer 6/7 - 06049 Spoleto
info@iat.spoleto.pg.it
La pieve di San Gregorio si trova lungo la strada che unisce Castel Ritaldi a Colle del Marchese.
La facciata, restaurata dopo il terremoto del 1997, è costituita da un'alternanza di strati orizzontali di pietra bianca e rossa, sulla quale si apre un portale a rincassi.
L'arco d'ingresso, al disopra del quale si legge la data di realizzazione  della facciata, il 1141, è decorato da un susseguirsi di scene e figure: in basso a sinistra è un leone dalla cui bocca esce un tralcio che corre per tutta la lunetta e finisce nella bocca di un leone all'altra estremità. Dopo il leone da sinistra è rappresentato un uomo che addenta un grappolo d'uva, Sansone a cavalcioni del leone; un leone e un grifo che addentano il racemo fiorito; nella chiave dell'arco è una figura femminile, forse la Speranza; seguono un biscione alato, animali in lotta; e un pavone che con il becco cerca di spezzare il racemo.
Al di sopra del portale si scorge una finestra ad arco policentrico con ai lati due piccole nicchie, ornate sul fianco interno da due colonne poggiate su una mensola ed coronate da un capitello ionico. Intorno sono i simboli degli Evangelisti sono due Demoni fiancheggiati da figure di Profeti.
La stella del rosone originario è stata bizzarramente montata sul campanile a vela.
L'interno della chiesa, completamente rifatto, presenta unica navata coperta da capriate lignee.
La notizia documentaria più antica sulla chiesa risale al 1066; la primitiva costruzione fu in parte rifatta nel 1141 forse a causa di dissesti strutturali. La pieve è stata l'antica parrocchia di Castel Ritaldi fino al 1828, anno in cui il titolo venne trasferito all'interno del paese.