Asset Publisher

Giornate FAI d’Autunno in Umbria

Giornate FAI d’Autunno in Umbria

Un'occasione unica per scoprire i luoghi del patrimonio culturale umbro solitamente chiusi al pubblico, il tutto in piena sicurezza: per due fine settimana, dal 17 al 18 ottobre e dal 24 al 25 ottobre, doppio appuntamento con le Giornate FAI d’Autunno che consentiranno di ammirare palazzi, chiese, castelli, giardini, teatri, architetture industriali, antichi borghi e quartieri normalmente non accessibili, grazie alle visite organizzate dai volontari del FAI.

Nella provincia di Perugia porte aperte al Bosco di San Francesco ad Assisi, per  un percorso  tra storia, natura e spiritualità attraverso i 64 ettari di terreni boschivi, campi coltivati, pareti di pietra rosa, radure e oliveti che il FAI hai interamente recuperato. A Bettona si potranno scoprire le bellezze artistiche e storiche che il borgo custodisce all’interno della cinta muraria che conserva tratti di origine etrusca.

A Perugia saranno aperti e visitabili il locale Cimitero Monumentale e l’abbazia benedettina di Santa Maria di Valdiponte. A Città della Pieve sarà possibile visitare in anteprima i reperti rinvenuti durante lo scavo archeologico della tomba di Laris Pulfnas, al Museo Civico-Diocesano di Santa Maria dei Servi. A Doglio (Montecastello di Vibio) la visita sarà l’occasione per scoprire piccoli tesori e testimonianze di un antico passato: una fonte solfurea collegata all’antico vulcano del Monte Peglia, un’urna cineraria di epoca romana e la piccola chiesa dedicata a Maria Santissima Immacolata.

A Foligno sarà visitabile il Rione Pugilli, con le sue meraviglie: la taverna del rione inglobata nel contesto dell'antico convento di San Giacomo, la chiesa di San Giovanni Battista, chiusa dal terremoto del 1997, che riapre al pubblico proprio in questa occasione e gli Orti Jacobilli, antico orto-giardino risalente al XVII secolo. A Norcia apre la Chiesa di San Salvatore di Campi, una delle testimonianze più importanti del territorio della Valnerina, fortemente danneggiata dal terremoto del 2016.

A Gualdo Tadino saranno aperti l’Eremo del Beato Angelo e il laghetto dei frati e sarà possibile partecipare a visite guidate del borgo, percorrendo i suoi vicoli più suggestivi. Nei due weekend sarà possibile visitare il pittoresco borgo medievale di Badia Petroia, nella valle del Nestore, a sud di Città di Castello, la cui storia è legata alla presenza dell’abbazia benedettina di Santa Maria e Sant’Egidio attorno alla quale si è sviluppato l’abitato storico.

In provincia di Terni, invece, sarà possibile visitare i borghi di Lugnano in Teverina, dove saranno accessibili l’antiquarium, la villa romana di Poggio Gramignano, il Palazzo Fargna e il Teatro degli Avvaloranti, e Castel Viscardo, dove sarà possibile ammirare il Tesoro degli Spada, conservato in due armadi incassati nelle pareti dell'abside all'interno della Chiesa dell'Annunziata, voluta dalla famiglia Spada Veralli.

A Terni apre Villa Bianchini Riccardi, la più notevole tra le residenze di Piedimonte. A Orvieto, visite guidate in una caserma in disarmo che custodisce un’entità viva e vitale della Città: i costumi del Corteo Storico della Città, indossati da 400 cittadini durante la processione del Corpus Domini, festa istituita dal Papa ad Orvieto ed estesa a tutto il mondo cattolico. 

Per informazioni:
www.fondoambiente.it