Città

Montegabbione

Posto nell'area centro-occidentale dell'Umbria, Montegabbione è un piccolo borgo arroccato su un colle affacciato sulla valle del Nestore e su quella del Chiani da cui domina un vasto panorama che si estende dalla Valdichiana al Monte Cetona ed a Città della Pieve.


Ufficio informazioni accoglienza turistica
Piazza Duomo 24 - 05018 Orvieto
info@iat.orvieto.tr.it
STORIA
Il borgo fortificato di Montegabbione sorse intorno all'XI secolo ed appartenne alle potenti famiglie del Montemarte, Filippeschi e Monaldeschi. Successivamente entrò a far parte dello Stato della Chiesa di cui seguì le vicende fino all'Unità d'Italia.
ARTE, CULTURA, AMBIENTE

Il borgo mantiene gran parte dell'assetto urbanistico originario con le imponenti mura di cinta medievali, il Castello, primo nucleo di Montegabbione (intorno all'anno 1000), la Torre all'ingresso del paese (XV secolo), di chiara impostazione architettonica militare, e la caratteristica struttura viaria a maglia ortogonale. Dalla piazza, situata al centro del paese, spiccano le torri d'avvistamento poste a protezione del centro abitato.

Poco fuori le mura sorge la chiesa della Madonna delle Grazie, eretta nel 1625, con all'interno un bell'affresco raffigurante la Madonna del Latte del XVI secolo.

Nei dintorni da vedere i ruderi dell'Abbazia di Acqua Alta, il Castello di Casteldifiori, ed in località Montegiove il Castello e il suggestivo Convento francescano della Scarzuola, fondato da San Francesco d'Assisi nel 1218. Nel 1956 il complesso conventuale fu acquistato e restaurato dall'architetto milanese Tommaso Buzzi, che tra il 1958 e il 1978, a fianco del convento, progettò ed edificò la sua Città Ideale, concepita come "macchina teatrale". La Città Buzziana, che comprende un insieme di 7 teatri, ha al suo culmine l'Acropoli: una montagna di edifici costruiti da una numerosa serie di archetipi che, vuoti all'interno e dotati di tanti scomparti come in un termitaio, rilevano molteplici prospettive.

Il territorio è caratterizzato da un sistema collinare spettacolare: le pendici sono ricoperte da ulivi e vigneti che, grazie al suolo fertile, forniscono prodotti di alta qualità famosi già dall'epoca romana.