Trekking urbano

Trekking urbano a Perugia: il rione di Porta Sole

Trekking Urbano a Perugia alla scoperta del quartiere di Porta Sole nella parte nord della città, tra scorci misteriosi e suggestivi.

map thumbnail


Ufficio informazioni accoglienza turistica
Piazza Matteotti, 18 - Loggia dei Lanari - 06121 Perugia
info@iat.perugia.it

Ti accompagneremo alla scoperta del borgo di Porta Sole, chiamato così in relazione alla sua esposizione topografica rivolta ad est. Il colore del rione Porta Sole è il bianco, associato alle tonalità chiare della luce e a quelle della farina che da qui transitava proveniente dai mulini sul Tevere, percorrendo la via regale.  Il tuo punto di partenza è piazza IV Novembre: da qui prendi via Calderini fino a giungere nella vicina piazza Matteotti. Sulla sinistra, imbocca la stretta e alta Via Volte della Pace, una delle più caratteristiche della città, coperta da arcate a crociera che segue il percorso curvilineo della cinta etrusca.

Percorrila fino al collegamento con via Bontempi per raggiungere piazza Piccinino, al centro della quale troneggia pozzo Sorbello e dove potrai vedere i resti di una antica torre medievale. Noterai una chiesa dalla facciata incompiuta, detta ‘Chiesa della Compagnia della Morte', nata per dare una tumulazione ai morti insepolti o posti su terra sconsacrata. Al civico 9 della stessa Piazza Piccinino si trova palazzo Bourbon Sorbello - sede dell'omonima Casa Museo - che come gli altri a fianco poggia sulla cinta muraria etrusca e su precedenti strutture medievali.

Arrivato in piazza Danti, noterai sui palazzi dell'ex cinema Turreno dei bassorilievi raffiguranti delle mani che stringono delle spighe, a testimonianza dell'antica presenza sul posto di alcuni magazzini di grano.

Passa davanti a Palazzo Conestabile della Staffa (al civico 28), prosegui per via del Sole e piazza Michelotti arrivando a Piazza Rossi Scotti, verso la parte più alta della città. La Piazza continua a sinistra in via delle Prome: in questo punto potrai vedere la spettacolare scalinata delle Prome, uno dei punti più immortalati e suggestivi della città. Fermati un attimo ed affacciati per godere del meraviglioso panorama sui Borghi Sant'Angelo e Sant'Antonio.

Prosegui per via dell'Aquila (il punto più alto di Perugia) e via Raffaello (nella cui piazzetta è custodito nella chiesa di San Severo l'unico affresco di Raffaello presente a Perugia, rappresentante la Trinità) e continua a scendere verso via Bontempi svoltando a destra in via Mattioli; imbocca via del Duca arrivando nell'omonima piazzetta. Qui si trova il cinema Post Modernissimo, recentemente ristrutturato e centro di numerose iniziative culturali. Prosegui su via della Viola (dal nome del fiore o di qualche famosa popolana di cui si è persa memoria), sulla quale si affacciano degli isolati lunghi e stretti, definiti da vicoli bui e scoscesi, in alcuni casi comunicanti con la sottostante e parallela via Imbriani, in altri casi chiusi.  Sulla sinistra vedrai via del Prospetto: passa per via San Giovanni Bosco, prendi le scalette di via della Madonna e arriverai in fondo a via Imbriani.  Raggiungi l'incrocio con via Alessi, dove ti segnaliamo la poderosa abside della chiesa, le mura del monastero di San Fiorenzo e la presenza all'interno dell'edificio religioso di un affresco trecentesco raffigurante Maria in trono con il Bambino, situato sopra l'altare.

Scendi per via Bonaccia che giunge a porta Santa Margherita, e da qui risali via Baciadonne, il primo vicolo a destra; prosegui su via Imbriani fino a Via Abruzzo passando per via Orizzonte e cammina fino a Piazza del Carmine, dove si trova la Chiesa di San Simone del Carmine.

A questo punto hai due possibilità: fare una deviazione per vedere via Enrico dal Pozzo, l'antica via verso il Tevere (e tornare poi indietro verso Porta Pesa) oppure dirigerti direttamente verso Corso Bersaglieri, ritornando verso l'acropoli passando per via dei Lanari, via della Torricella, Via del Roscetto, Via Sdrucciola, Via della Pazienza e Via Cartolari. Arrivato qui, imbocca via Alessi e via del Forno - dove potrai vedere la bellissima scalinata sul retro di Palazzo Capocci - e raggiungerai Piazza IV Novembre, il tuo punto di partenza, passando per via Fani.