Valnerina da scoprire

Escursione in Valnerina dall'Abbazia di Sant'Eutizio a Cerreto di Spoleto

Da Norcia all'Abbazia di Sant'Eutizio, un percorso di trekking alla scoperta della natura della Valnerina.

map thumbnail
Difficoltà:  EE (Escursionisti esperti)
Dislivello:  +1170/-730
Distanza:  24,1 Km
Fondo stradale:  asfaltato/sterrato
Il tuo percorso inizia all'abbazia di Sant'Eutizio. Parti lasciandoti l'abbazia alle spalle e segui il sentiero che sale ai bordi della struttura; tornato sulla strada asfaltata prosegui a destra e all'incrocio gira a sinistra e segui le indicazioni per Collescille. Subito dopo un casolare, in corrispondenza di un grande albero, lascia la strada asfaltata e gira sul sentiero di sinistra. Dopo la chiesa di Santo Spes, la chiesa più antica di Preci, prosegui dritto e all'incrocio con l'asfalto gira a destra in direzione Saccovescio. Gira a sinistra e poi prosegui sulla strada asfaltata ancora in salita. Ti trovi a Castelvecchio. Gira intorno al paese fino a trovare le indicazioni per San Vito; 50 metri più avanti, dopo aver superato il torrente, gira sullo sterrato di destra che costeggia il rivolo d'acqua; quando arrivi a San Lazzaro, prosegui dritto nel bosco. Tieni il sentiero a sinistra e all'incrocio con la strada asfaltata gira a destra e poi a ancora sinistra entrando ai Bagni di Triponzo. Se hai bisogno di una pausa relax, questo è il posto giusto per fare un bagno rilassante nelle acque termali o approfittarne per bagno turco. Superati i bagni segui la strada sterrata in direzione Triponzo. Attenzione, perché questo è un tratto di sentiero esposto, ti consigliamo di utilizzare delle scarpe da trekking e di prestare particolare cautela se il fondo del sentiero dovesse essere bagnato. Attraversa il centro di Triponzo, gira a destra sulla strada asfaltata SS209, attraversala e gira a destra sulla strada sterrata. Sei arrivato alla tua meta: il centro di Cerreto di Spoleto. Cerreto prende il suo nome dalla grande presenza di cerri in città ed è un bel borgo che merita una visita. Il centro storico ed il suo castello si trovano a cavallo della confluenza tra il fiume Nera con il Vigi e il Tissino. Una leggenda locale narra che il paese sia stato fondato nell'Ottocento dai Franchi che erano scesi al seguito di Carlo Magno per contrastare il potente gastaldato longobardo di Ponte. A Cerreto puoi assaggiare la crescionda, un dolce semplice ma prelibato: si tratta di una torta bassa, morbida come un budino, fatta con uova, farina, cioccolato e zucchero.