L'arte in Umbria

Nelle terre del Perugino: il divin Pittore

Nelle Terre del Perugino tra i borghi di Montefalco e Trevi, alla scoperta di due preziose opere del Divin Pittore.

map thumbnail


Ufficio informazioni accoglienza turistica
Corso Cavour 126 - 06034 Foligno
info@iat.foligno.pg.it

Trevi è situata tra Foligno e Spoleto ed è nota come la città dell'olio per eccellenza. Percorrendo la SS3, Trevi ti apparirà arroccata sulla cima di un colle, avvolta dal suo misterioso fascino medievale e contraddistinta dalle costruzioni in stile romanico.

Famosa oltre che per il suo ‘oro giallo', anche per il tipico sedano nero e altri preziosi prodotti della terra, Trevi conserva tra i vari tesori artistici una importante opera del Perugino, custodita all'interno della Chiesa di Santa Maria delle Lacrime. L'edificio religioso è stato eretto proprio in occasione di un evento miracoloso legato ad un'immagine dipinta della Vergine che fu vista lacrimare sangue il 5 Agosto 1485.

L'opera del Divin Pittore che potrai visitare nella Chiesa di Santa Maria delle Lacrime è la Cappella di Adorazione dei Magi o del Presepio, risalente al 1522 e pertanto una delle ultime opere del Maestro. L'affresco ritrae una meravigliosa scena del Presepio, con la presenza di personaggi in adorazione e degli apostoli Pietro e Paolo ai lati. L'ambientazione del dipinto è costituita da una semplice capanna di legno, dove sono raffigurati la Vergine Maria con Gesù bambino in braccio, San Giuseppe sulla sinistra, ai lati del trono due Magi nell'atto di offrire due ampolle e il terzo Re in piedi accanto. A fare da sfondo alla scena principale, un caratteristico paesaggio di campagna con i pastori intenti a pascolare il proprio gregge. Noterai in particolare due pastori in lontananza nella parte centrale del dipinto guardare verso l'alto riparandosi gli occhi; probabilmente stanno volgendo il proprio sguardo verso la luce della stella cometa, che ad oggi non è più visibile nell'affresco.

Poco distante da Trevi sorge la splendida Montefalco, rinomata per l'ottimo vino rosso, ma anche per l'olio, i salumi e il miele. Montefalco ti offrirà un meraviglioso affaccio panoramico sul territorio circostante ed è per questo che viene chiamata ‘la ringhiera dell'Umbria'

Nel centro storico, all'interno della Chiesa di San Francesco, potrai vedere la magnifica Natività del Perugino che occupa lo spazio di un'edicola nella parte destra della controfacciata. L'affresco ha ad oggetto tre scene inquadrate da finte architetture: l'Annunciazione in alto, Dio in gloria tra gli angeli e più in basso, in primo piano, la scena della Natività. Vedrai Gesù circondato da un paesaggio verde che alle sue spalle si apre in un ampio orizzonte dal confine indefinito. Ed è proprio in questa caratteristica che riconoscerai l'impronta del Perugino, che nella sua fase di maturità vede le sue opere contraddistinte proprio da questa presenza dominante del paesaggio.