Aggregatore Risorse

Piazza del Popolo

Piazza del Popolo a Todi

Piazza del Popolo, posta nel punto più alto di Todi, è considerata tra le piazze più belle d'Italia, cuore nobile e vivace della città sin dall’epoca romana.

Sulla piazza si affacciano i principali edifici medievali simbolo del potere laico e religioso: il palazzo del Popolo (o del Podestà) in stile gotico-lombardo e l’annesso palazzo del Capitano, gotico-italiano, con la torre campanaria.

Il Palazzo del Popolo, iniziato nel 1213, si apre a piano terra con un bel portico ad archi tutto sesto, mentre il Palazzo del Capitano, costruito alla fine del 1200, presenta un suggestivo porticato e trifore gotiche.

Una grande scala unifica i due palazzi che al quarto piano ospitano il Museo Civico.

Sul lato che fronteggia il duomo si erge il palazzo dei Priori, realizzato tra il 1293 e il 1337. La torre con pianta trapezoidale è del ‘400.

All'estremità opposta, in cima ad una lunga e ripida scalinata, si erge la Cattedrale di Maria Santissima Annunziata, iniziata nel XII secolo in stile romanico e completata in stile gotico, con ulteriori interventi anche nei secoli successivi. La splendida facciata duecentesca è stata arricchita nel ‘500 con il rosone. Nello stesso secolo fu dipinta - da Ferrau Faenzoni - la controfacciata con un Giudizio Universale ispirato alla cappella sistina di Michelangelo. Accanto al Duomo, sulla sinistra, fu costruito nel XVI secolo il palazzo vescovile. La cattedrale sorge sulle rovine del Capitolium romano.

La pavimentazione della piazza è sorretta da un sistema di monumentali cisterne realizzate in epoca romana con la funzione di sostenere la soprastante area del foro, la piazza pubblica dell'antico centro di Tuder, ancora più vasta della piazza medievale.

Le cisterne romane (I sec. d.C.), pregevole opera di ingegneria idraulica finalizzata a rifornire di acqua il colle, sono parte di un suggestivo percorso di visita sotterraneo che conduce alla scoperta di una fitta rete di pozzi, gallerie e cisterne di varie epoche.

Secondo una leggenda, la popolazione dei Veii - Umbri voleva costruire Todi in pianura, sulle rive del Tevere che scorre nella pianura sottostante. L’arrivo di un’aquila, simbolo di Todi, cambiò però il programma: il rapace afferrò con gli artigli la tovaglia usata da un gruppo di costruttori trascinandola sul punto più alto del colle.

Da non perdere l’affaccio sul bellissimo paesaggio umbro visibile da Piazza Garibaldi, a cui si accede nell’angolo posto tra il palazzo dei Priori e quello del Popolo.

 

Esplora i dintorni
Le principali attrazioni nelle vicinanze