Agrégateur de contenus

Festival del Giornalismo

Festival del Giornalismo #ijf22

Il centro storico di Perugia è di nuovo il palcoscenico internazionale del giornalismo, con oltre 600 speaker provenienti da tutto il mondo, pronti a mettersi in ascolto, discutere e confrontarsi.

240 appuntamenti tra tavole rotonde, interviste, presentazioni, serate teatrali. Un’occasione per conoscere nuove tendenze e nuove sfide emerse. Per discutere insieme dei temi cruciali del presente, in questi tempi difficili che richiedono coraggio, umanità e visione. Un’immersione completa in un mondo di inclusività, competenze di primo piano e testimonianze, con una vasta gamma di tematiche.
#ijf22 dal 6 al 10 aprile sarà questo e molto di più: incontri e dibattiti che riempiranno le cinque giornate della rassegna, ormai diventata il Media Event più importante d'Europa.

La manifestazione, nata nel 2006 dalla volontà dei suoi fondatori, Arianna Ciccone e Christopher Potter, di parlare di giornalismo, informazione e libertà di stampa oltre le modalità tradizionali, ha la sua più grande forza nella novità del modello che ne costituisce la base. Ispirato dalle idee e dalle proposte di tutti i partecipanti, siano essi professionisti, lettori o studenti, dà forma al flusso di riflessioni che da questo scambio si genera: una formula che rende quanto più vivace questo incontro volontario di opinioni e culture internazionali.

Tra i temi forti di questa edizione, non si potrà che partire dalla drammatica situazione in Ucraina. Saranno infatti presenti (se possibile di persona, oppure in collegamento) giornalisti di Kyiv Independent e del sito russo Meduza. Realtà dell’informazione separate dallo  scoppio della guerra, unite dal desiderio di raccontare a ogni costo quello che accade.
Saranno accesi i riflettori anche su Yemen e Afghanistan, scenari di guerra e oppressione che troppo facilmente scivolano via nell’agenda mediatica, attraverso le voci dirette di chi vive o è a stretto contatto con quelle zone.

Si parlerà poi di emergenza climatica e della grande industria negazionista con Michael Mann, uno dei più importanti climatologi al mondo. La giornalista indiana Rana Ayyub porterà a Perugia una testimonianza sulla crescente violenza del nazionalismo indiano e sulle sue persecuzioni ai danni della stampa. Nel suo instancabile sforzo per la verità Ayyub è stata più volte vittima di massicce campagne di odio online.

Nella centralità che da sempre rivestono per il Festival libertà di espressione e diritti umani, non poteva mancare il processo a Julian Assange e le sue conseguenze per l’informazione: sarà ospite di #ijf22 Stella Moris, avvocata e compagna del fondatore di WikiLeaks.

Spazio inoltre alle grandi inchieste internazionali che mostrano la forza del giornalismo collaborativo e i punti più oscuri del potere politico e economico. Come il Pegasus Project, lo scandalo che ha rivelato lo spionaggio di molteplici governi ai danni di attivisti, giornalisti e uomini d’affari attraverso programmi di spyware dell’azienda privata Pegasus. Gli Swiss Leaks: oltre 60mila documenti che hanno rivelato al mondo un imponente schema di evasione fiscale, la più grande esposizione di sempre dei segreti del sistema bancario svizzero. I Pandora Papers, la più grande collaborazione giornalistica della storia: oltre 600 giornalisti al lavoro su 11,9 milioni di file, un lavoro monumentale per mappare l’uso di paradisi fiscali da parte di persone di potere, celebrità, criminali e politici, sottraendo così ingenti fortune al controllo statale.

Anche quest’anno il Festival accoglierà giovani volontari uniti dalla passione per la professione giornalistica e dal desiderio di capire le nuove sfide e le innovazioni. Sono oltre 80, provenienti da 10 paesi: Austria, Germania, Grecia, Italia, Kenya, Romania, Spagna, UK, Venezuela e Stati Uniti.

Il Festival occupa gli spazi del centro storico della città, i teatri, gli auditorium e le sale per i convegni, ma anche le strade e le piazze, che nei cinque giorni della manifestazione vivono e respirano lo stesso spirito e la spinta culturale che muovono l'evento e motivano a partecipare.

Come ogni anno gli eventi saranno a ingresso libero. Tutti gli incontri saranno in diretta streaming e on demand sulla piattaforme media.journalismfestival.com e sul canale YouTube del Festival.
Il programma è consultabile QUI.

Per informazioni:
www.festivaldelgiornalismo.com

You might be interested:
See all

Tom search

Les meilleures offres pour vous