Innamorati dell'Umbria

Per la “festa degli innamorati”, per una breve fuga romantica, per qualche giorno da passare in coppia, scoprite tutte le proposte del Cuore Verde d’Italia per momenti speciali da vivere in due in Umbria.

Se si parla di Umbria e di amore, il primo pensiero va a San Valentino e a Terni: poco fuori dal centro storico, oltrepassando il fiume Nera, si raggiunge la basilica dove è custodito il corpo del primo vescovo e patrono della città, protettore degli innamorati.

Il suo legame con l’amore trova origine in diverse leggende: quella di Sabino e Serapia, due innamorati ostacolati da tutti perché uno pagano e l’altra cristiana, che San Valentino unì per l’eternità; quella della Rosa della Riconciliazione che il Santo avrebbe offerto a due fidanzati per farli riappacificare. Da qui sarebbe nata la ricorrenza del 14 febbraio che celebra la festa degli innamorati da quando venne ritrovato il corpo di San Valentino nella basilica di Terni. La città custodisce anche molti altri tesori: dall’Anfiteatro del I sec. d.C. alla duecentesca chiesa di San Francesco, al Duomo riedificato su progetto del Bernini, alla chiesa di S. Alò che è un piccolo gioiello romanico. Accanto a palazzi di pregio, come Palazzo Spada, spiccano i siti e monumenti di archeologia industriale come la Grande Pressa e lo stabilimento di Papigno. Senza dimenticare gli esempi di arte contemporanea che la contraddistinguono, dalla fontana di Piazza Tacito alla Lancia di Luce di Arnaldo Pomodoro.

Una leggenda lega San Valentino anche alla Cascata delle Marmore; uno dei balconi da cui ammirare i salti della cascata, infatti, è detto "Balcone degli Innamorati", raggiungibile attraversando il Tunnel degli Innamorati: il Santo, per dimostrare la purezza di Nerina messa in dubbio dal compagno, colpì la rupe col bastone pastorale facendone uscire un getto d'acqua dalla forma di un velo da sposa.

A Città della Pieve troverete invece il vicolo Baciadonne, una viuzza della larghezza di 50/60 cm: due persone che percorrano il vicolo insieme si ritroveranno così vicini da sfiorarsi le labbra. Dopo un bacio appassionato, proseguite la romantica passeggiata tra i vicoli della città e lungo il perimetro delle mura.

In tema di romanticismo, non si possono perdere i tramonti sul Lago Trasimeno e, se il tempo lo permette, una visita a Isola Maggiore e al suo villaggio di pescatori. E come tutti i luoghi romantici, anche questo ha una storia da raccontare: la leggenda narra del principe Trasimeno, figlio del Re etrusco Tirreno di Lidia, che si innamorò perdutamente della ninfa Agilla, unendosi a lei in matrimonio sulle sponde del lago. Tuttavia, l'ira degli Dei si abbatté sui giovani innamorati: ancora oggi, tra la brezza leggera che increspa il lago, si può sentire in lontananza il lamento della ninfa Agilla, alla perenne ricerca del suo amato inghiottito dalle onde.

E a tavola? Non possono mancare alcuni cibi “afrodisiaci” che sono eccellenze della tradizione gastronomica umbra. Come il cioccolato, che qui ci fa pensare subito a Perugia e alla storia di Luisa Spagnoli che ideò il celebre “Bacio Perugina”; il famoso cioccolatino, in origine chiamato “cazzotto” per la forma simile alle nocche delle mani, ora è tra i messaggi d’amore più dolci al mondo. L’Umbria poi è da secoli terra di tartufi, il cui uso venne introdotto in tutta Italia proprio dagli antichi umbri. Gioacchino Rossini si faceva spedire a Parigi i tartufi di qualità dall’Umbria. Profumi e sapori straordinari, esattamente come quelli dello zafferano, spezia la cui produzione è un orgoglio della regione. La sua storia affonda le radici nel mito greco, nella vicenda di Crocos e Smilace: lui, un mortale, si era innamorato della ninfa, giovane e bellissima in eterno, e venne trasformato nella pianta dello zafferano (il cui fiore si chiama appunto crocus) mentre lei fu trasformata nella smilax aspera, una pianta rampicante, come punizione degli Dei dell’Olimpo che si opponevano a questo loro amore.

Assaporate ogni istante e ogni angolo del Cuore Verde d’Italia… perché dell’Umbria ci si innamora.

ITINERARIES
EVENTS