Umbrian cities and villages from A to Z

Traveling through valleys, peaks, woods, rivers and lakes in the Green Heart of Italy, a treasure trove of art cities and small historical centers that continue to surprise.

Let’s discover them together ... in strict alphabetical order!

Calvi dell’Umbria

Se l’antico insediamento risale all’età del Bronzo, l’assetto attuale del centro storico rimanda alla sua storia medievale tra vicoli, archi, volte, mura e torri. Il complesso del Monastero delle Orsoline, progettato dall’architetto Fuga e risalente alla metà del ‘700 circa, accoglie il Museo con la collezione Chiomenti Vassalli e un monumentale Presepe di terracotta del 1546, conservato nella chiesa di S. Antonio. Il borgo è noto come paese dei presepi: i muri delle case antiche sono affrescati da murales sulla Natività che pittori italiani e stranieri ogni anno dipingono creando una vera e propria galleria a cielo aperto.
Scopri di più

 

Campello sul Clitunno
Abitato da Etruschi e Romani, il suo territorio è sempre stato caratterizzato da piccoli borghi e castelli sparsi tra campagna e boschi, ognuno con la propria storia.Campello Alto è il borgo fortificato sorto intorno al Castello, che conserva tra l’altro le mura, il Palazzo comunale e il complesso monastico dei Barnabiti. A Campello Basso troverete la chiesa della Madonna della Bianca con il suo portale in pietra e due affreschi dello Spagna. Nei dintorni da non perdere, oltre ai borghi medievali di Acera e Spina e al Castello di Pissignano, le sorgenti delle Fonti del Clitunno, immerse in un suggestivo ambiente naturale, e il Tempietto del Clitunno, eretto nel V secolo e riconosciuto Patrimonio Mondiale dell’Umanità Unesco.
Scopri di più

 

Cannara
Sorse in età romana, forse dopo la bonifica realizzata dagli abitanti dell’antico municipio Urvinum Hortens e di cui rimangono i resti in località Collemancio. Nel centro cinto da mura medievali, vi consigliamo di visitare il Palazzo Comunale, la Torre Civica (XV sec.) e la chiesa di S. Biagio, esempio di tardo romanico umbro con la facciata del XIII sec. e il portale in pietra di Assisi. Qui molto parla della vita di S. Francesco: la chiesa di S. Francesco che ricorda l'Istituzione del Terzo Ordine, il palazzo Majolica-Landrini che conserva il Sacro Tugurio in cui Francesco dimorava durante le visite a Cannara, e l’edicola di Piandarca, a circa 3 km dal centro, costruita nel 1926 per ricordare il luogo della "predica agli uccelli".
Scopri di più

 

Cascia
I ritrovamenti archeologici fanno pensare a origini preromane di questo borgo. Oggi Cascia è nota come centro religioso per la devozione a S. Rita, ma oltre a elementi di forte spiritualità custodisce tesori artistici, come la chiesa di S. Francesco di stile gotico e la chiesa di S. Antonio Abate, parte del circuito museale di Cascia, che conserva due notevoli cicli di affreschi. Da non perdere anche la collegiata di S. Maria antica pieve dal ricco patrimonio di dipinti, e la chiesa di S. Agostino dove si trovano stupendi affreschi di scuola umbra e perugina. Mete immancabili sono la basilica e il monastero di S. Rita dove sono la sua cella e il suo roseto. Nei dintorni è anche Roccaporena, paese natale della Santa, che ricorda fortemente la sua vita tra la casa, l'orto del miracolo, lo scoglio e il roseto.
Scopri di più

 

SCOPRI TUTTI I BORGHI E LE CITTÀ DELL'UMBRIA

EVENTS