Die Köstlichkeiten der Erde

La Valnerina

Viaggio tra norcini, tartufari e casari.

map thumbnail

La Valnerina, come suggerisce il suo nome, è la valle del fiume Nera che ha le sue sorgenti nelle Marche sui Monti Sibillini e attraversa tutta l'Umbria. Corpendo un 'area di circa trecento chilometri quadrati, è una zona ricca di storia, di tradizioni e di un paesaggio molto caratteristico, pianure dalla natura incontaminata e montagne di una bellezza emozionante.

Alla scoperta dei prodotti tipici

In questo territorio si alternano imponenti masse rocciose con vallate molto fertili. In una zona così rigogliosa, non è difficile imbattersi in numerosi pascoli, aziende agricole e campi coltivati. Non è un caso, infatti, che le principali risorse economiche di questa zona siano state da sempre l'agricoltura e la pastorizia, motivo per cui, tutt'oggi, vanta un gran numero di pregiati prodotti tipici.

Nella zona di Norcia sono numerose le cosiddette "norcinerie": botteghe in cui lavorano i norcini, cioè gli addetti all'elaborazione delle carni di maiale secondo il metodo tradizionale. Il prodotto tipico di Norcia per eccellenza è il prosciutto di Norcia  cui nel 1998 fu  anche attribuito il marchio  IGP. Nelle norcinerie si producono anche il salame, il capocollo, la lonza, le salsicce a tanti altri insaccati dai profumi e sapori unici e ricercati.

I tesori della Valnerina si nascondono anche nei boschi. Il prodotto della terra per eccellenza,  il tartufo,  rappresenta un altro fiore all'occhiello della  regione Umbria. Le specie di tartufi presenti in Valnerina sono ben tre: Il Tartufo Nero Pregiato di Norcia, il Tartufo Estivo e quello Invernale. L'abbondanza di questo prodotto nei boschi di questo territorio è il motivo per cui entra spesso nelle ricette della tradizione  gastronomica umbra: ne è un esempio "L'agnello al tartufo nero", una pietanza molto comune nelle tavole umbre. Per gli amanti di questa delizia, nel mese di Febbraio è imperdibile una tappa alla Mostra Mercato del Tartufo Nero di Norcia.

Dirigendosi verso la zona dell'Altopiano di Chiavano, è facile incontrare numerosi pascoli che sono da centinaia di anni una delle principali risorse del territorio, dove sono nati molteplici allevamenti di bovini da latte. Sono ancora visibili gli antichi percorsi che i pastori percorrevano quando in inverno emigravano verso il Lazio, per poi tornare per la bella stagione. Consigliamo di percorrere il sentiero che va da Poggiodomo a Scheggino. Il primo è un piccolo paesino arroccato a 900 metri sopra una splendida vallata, e, per questa sua posizione, ha svolto sempre la funzione di rifugio per eremiti e monaci. Il secondo è uno splendido borgo medievale, caratteristico per i suoi vicoli stretti. Da Scheggino consigliamo di proseguire la visita verso le Fonti di Valcasana, famose non solo per la loro straordinaria bellezza ma anche per le proprietà benefiche delle loro acque.  Tra i formaggi d'eccellenza di questa zona si distinguono il pecorino, la ricotta, la caciotta e il formaggio al Tartufo Nero di Norcia e allo  Zafferano Purissimo di Cascia.

Con una proposta gastronomica come questa, è impossibile non visitare la Valnerina. Lasciatevi trascinare dai profumi e dai sapori dei suoi prodotti tipici e ne resterete piacevolmente sorpresi!