I vini e l'olio

Vini Doc e Docg Orvieto

img

Appoggiata su di una grandiosa rupe di tufo, la città di Orvieto sorge su un luogo che era abitato ancor prima degli insediamenti etruschi. Annessa allo Stato Pontificio nel XV secolo fu per lungo tempo considerato un luogo prediletto da tanti papi romani. A testimonianza di questo suo ruolo centrale nella chiesa, il Duomo, una delle più belle cattedrali nazionali e capolavoro dell'architettura gotica italiana.

Un ruolo centrale nell'economia della zona è da sempre rappresentato dal vino bianco. L'Orvieto  DOC infatti divenne il vino dei papi e principi ed una delle principali risorse per finanziare la costruzione dello stesso Duomo. La menzione "classico" è per il vino prodotto nella zona di origine più antica (Valle del monte Paglia) mentre quello "superiore" è immesso al consumo dopo il 1° marzo dell'annata successiva a quella della vendemmia. La denominazione Rosso Orvietano o Orvietano Rosso DOC è riservata a diverse tipologie di vino rosso.  La produzione del Muffato è stata recentemente regolamentata dal disciplinare della  D.O.C  Orvieto, questo vino è definito anche muffa nobile, prodotto con uve lasciate attaccare da botrytis cinerea sulla pianta e raccolte ad autunno inoltrato.

Come in altre zone della regione l'olio extra vergine di oliva DOP rappresenta un segmento di grande importanza, tanto da meritare una delle sottozone regionali, quella dei "Colli Orvietani".