San Valentino, l'amore è Umbria

map thumbnail


Era l'anno 197 d.C. quando il Vescovo Valentino divenne il padre del popolo di Terni, dando così vita alle numerose leggende che circondano la sua figura. La più famosa è senza dubbio quella tra il legionario Sabino e la bellissima Serapia, coppia di giovani amanti che il vescovo unì in matrimonio contro ogni ostacolo e difficoltà, sancendo così il suo ruolo di Protettore degli innamorati. In ricordo di San Valentino il 14 febbraio, anniversario della sua morte, si trasformò da giornata dedicata agli antichi riti pagani di purificazione ("Lupercali") a giornata simbolo universale d'amore.

Oggi le spoglie del vescovo sono attualmente conservate all'interno della basilica santuario di Terni, dove ogni anno decine di amanti si danno appuntamento alla "Festa della Promessa" (la domenica prima del 14 Febbraio). E' questa l'occasione per tutti i futuri sposi di rinnovare l'antica promessa sulle orme di Sabino e Serapia, giurando d'amarsi di un amore eterno, coraggioso, fedele.

L'Umbria sancisce così il suo ruolo di terra d'amore, un filo conduttore che ci porta fino a Perugia, capitale del cioccolato e patria del famoso Bacio Perugina. Questa dolce creazione, nata dalla genialità di Luisa Spagnoli, riassume nel sapore inimitabile del suo cioccolato e nei bigliettini d'amore sotto il suo involucro stellato il connubio tra passione e qualità tipica dei prodotti gastronomici umbri, di cui il cioccolato è protagonista esemplare.

Non solo in cucina, ma anche nell'artigianato l'Umbria ci mostra le sue mille sfaccettature d'amore. L'arte orafa, antichissimo sapere radicato nella storia del territorio, da vita a raffinati gioielli che coniugano tradizione e modernità, ricerca concettuale e design. Un esempio d'antica dolcezza è il Santo Anello di Perugia, anello sacro che leggenda vuole fu donato da Giuseppe a Maria,  ora posto nello scrigno della cattedrale di San Lorenzo a Perugia.

Per maggiori informazioni:

Wedding in Umbria