Spoleto

Palazzo Collicola Arti Visive - Museo Carandente - Spoleto

map thumbnail


Palazzo Collicola Arti Visive si trova nel centro storico di Spoleto ed occupa l'intero lato occidentale dell'omonima piazza.

Palazzo Collicola è uno degli edifici gentilizi più importanti della città, costruito tra il 1717 e il 1730 dall'architetto romano Sebastiano Cipriani e residenza della nobile famiglia Collicola. Dopo l'estinzione della famiglia, il palazzo fu acquistato dal Comune di Spoleto nel 1939.
Palazzo Collicola Arti Visive è, insieme alle Collezione Burri di Città di Castello, il più importante museo d'arte contemporanea della regione.
Al pianterreno si trova il Museo Carandente, che conserva la donazione del famoso critico d'arte Giovanni Carandente e annovera opere di artisti italiani e stranieri di fama internazionale. Fanno parte della raccolta opere di Alexander Calder, Henri Moore, Ettore Colla, Nino Franchina e Pietro Consagra.
Altro gruppo di opere, realizzate da artisti appartenenti alla corrente del "naturalismo informale", sono quelle acquisite attraverso il Premio Spoleto (1953 -1968). Un'ulteriore sezione della collezione è rappresentata dalle donazioni di artisti e collezionisti e da acquisti del Comune. Tra questi spicca il nucleo di opere dedicate allo scultore spoletino Leonardo Leoncillo: vi sono compresi disegni, sculture ceramiche e maioliche pervenuti al museo a partire dagli anni Ottanta del Novecento.
L'Appartamento Nobile, al primo piano, conserva dipinti dei secc. XV-XX un tempo ospitati presso la Pinacoteca Comunale. La presenza della quadreria e di arredi d'epoca come tavoli da parete, consolles e specchiere, conferisce a questo piano del palazzo l'aspetto di una dimora gentilizia sei-settecentesca.  Il primo piano, insieme al secondo, è inoltre dedicato ad esposizioni temporanee di arte contemporanea.

Spoleto vanta da sempre un particolare rapporto con l'arte contemporanea. Basti pensare alla celebre esposizione Sculture nella città, organizzata su iniziativa di Giovanni Carandente nel 1962, durante la quale le vie e le piazze del centro storico vennero disseminate di 104 sculture realizzate da 54 tra i maggiori scultori del XX secolo tra cui Alexander Calder, autore del Teodelapio, prima scultura monumentale stabile dell'artista americano ancora oggi di fronte alla stazione ferroviaria.

 

Palazzo Collicola Arti Visive propone, inoltre, un percorso didattico tra i più eterogenei e avanzati nel panorama museale italiano, creando connessioni tra le opere della Collezione, i cortocircuiti del Piano Nobile, i locali della Biblioteca Carandente, le sale del Piano Mostre, i Collicola Ring, le sculture interattive di Oasi Collicola, la caffetteria di Veronica Montanino, ma anche tra la città storica, i suoi monumenti, gli altri musei e le molteplici bellezze di una Spoleto sempre più contemporanea.
Sono infine organizzate anche attività e per bambini: iniziative rivolte alle famiglie con lo scopo di promuovere la collezione permanente e laboratori rivolti a stimolare la manualità e la creatività di grandi e piccoli.

Informazioni

Piazza Collicola
06049 - Spoleto (PG) 
email: info@palazzocollicola.it
sito web: www.palazzocollicola.it

 

Fonte Regione Umbria - Servizio Musei e soprintendenza ai beni librari