L'arte in Umbria

I tesori dei Colli Martani: storia, arte e natura lungo l'antica via Flaminia

Parti alla scoperta dei Colli Martani: bellissimi paesaggi, borghi incantati di origine romana ed un ottima enogastronomia locale

map thumbnail


Ufficio informazioni accoglienza turistica
Piazza del Popolo 38 - 06059 Todi
info@iat.todi.pg.it
Ufficio informazioni accoglienza turistica
Piazza della Libertà 7 - 06049 Spoleto
info@iat.spoleto.pg.it

I Monti Martani sono un autentico scrigno di storia che custodisce tesori inattesi, lungo un percorso che unisce borghi affascinanti, feudi medievali ed abbazie ricche di fascino.

Il viaggio inizia da Castel Ritaldi, un borgo situato lungo il percorso che da Spoleto porta a Montefalco.  Il centro storico è cinto dalle mura del Castello del XIII secolo, merita una visita la Chiesa di Santa Marina, edificata tra il XIV e XV secolo. Appena uscito dal borgo prosegui per Colle del Marchese, sulla strada troverai la Pieve di San Gregorio in Nido, circondata da uliveti, edificio romanico sorto intorno al 1141, con splendide decorazioni in bassorilievo sulla facciata e sul portale.

Al primo bivio svolta per la frazione Morcicchia e prosegui verso Giano dell'Umbria. Come per tutti i borghi del comprensorio, la visita a Giano è una piacevole passeggiata nella storia, tra mura circolari, vicoli medievali , il bel palazzo del municipio e la Trecentesca chiese di S. Michele. Prima di salire verso il monte, una piccola deviazione porta all'Abbazia di San Felice, edificata attorno al 1130, tesoro nascosto tra gli ulivi che all'epoca dell'imperatore Costantino custodiva le ossa del martire San Felice. La salita verso i monti si può affrontare seguendo le indicazioni per Monte Martano. Qui puoi proseguire sul sentiero del Martani trekking, che prosegue sino alla costa di Scoppio, punto nodale e baricentro del percorso dove è presente anche un centro escursionistico aperto su prenotazione. Ripresa l'automobile, ridiscendi verso a Massa Martana, fermandoti all'altezza della Chiesa dell'Assunzione, per godere della straordinaria vista panoramica sulla vallata circostante.

Tutta l'area intorno a Massa Martana ( la romana Vicus ad Martis ) è un luogo ideale per assaporare i due massimi tesori enogastronomici del territorio, l'olio e il vino, così pregiati da aver consentito, per i vini, il riconoscimento della DOC  "Colli Martani" e delle IGT "Umbria" e "Colli Martani" e per l'olio extra vergine il riconoscimento della DOP "Colli Martani".

Arrivato a Massa Martana sei sul tracciato dell'antica via Flaminia. Lungo l'antico asse stradale sono situate la Chiesa di santa Maria in Pantano, una delle più antiche dell'Umbria e, più avanti, la Catacomba cristiana, unico monumento del genere finora scoperto sul territorio regionale, visitabile su prenotazione.  Poco distante si trovano anche l'Abbazia dei Santi Fidenzio e Terenzio, l'Abbazia di Villa San Faustino e quella di San Pietro sopra le Acque. Il viaggio termina ad Acquasparta, antico luogo termale romano, prima sede dell'Accademia dei Lincei, voluta dal Duca Federico Cesi nel grande palazzo rinascimentale che ancora porta il suo nome.