Gubbio

Gubbio, la città dei Ceri

map thumbnail


Ufficio informazioni accoglienza turistica
Via della Repubblica 15 - 06024 Gubbio
info@iat.gubbio.pg.it
Situata nella parte nord-orientale dell'Umbria, Gubbio ha un impianto urbano terrazzato che si estende lungo le pendici del monte Ingino. 

Le antiche origini della città sono testimoniate dalle sette tavole bronzee, note come "Tavole Eugubine", incise tra il II e I secolo a.C. e custodite nel locale Museo Civico. Scritte, in parte, in lingua umbra sono considerate uno dei più importanti documenti italici.
Notevoli testimonianze architettoniche romane a Gubbio sono invece il Teatro romano, della fine del I secolo a.C., e il Mausoleo, rudere di tomba, da dove può iniziare la tua visita.  
A valle dell'abitato si erge la chiesa di San Francesco, edificata nella metà del XIII secolo nel luogo in cui si trovava il fondaco degli Spadalonga, famiglia che accolse San Francesco dopo la rinuncia ai beni paterni e di cui ancora oggi rimangono alcuni resti. Tra gli affreschi presenti all'interno della chiesa spiccano quelli dell'abside di sinistra con Storie della vita della Vergine di Ottaviano Nelli (XV secolo).
Fulcro cittadino è la medioevale piazza Grande, terrazza pensile panoramica dove affacciano il trecentesco palazzo dei Consoli, sede del Museo Civico, il coevo palazzo del Podestà e il neoclassico palazzo Ranghiasci-Brancaleoni

 

Ancora più in alto: il palazzo dei Canonici, sede del Museo Diocesano, raccolta d'arte che ripercorre la lunga storia della Diocesi eugubina; la cattedrale, iniziata alla fine del XII secolo e intitolata ai Santi Mariano e Giacomo, le cui reliquie sono conservate sotto l'altare maggiore, e il palazzo Ducale. Quest'ultimo, fatto erigere da Federico da Montefeltro tra il 1475 e il 1480, probabilmente su progetto di Francesco di Giorgio Martini, è oggi sede museale. All'interno si trova il bel cortile edificato in corrispondenza dello spazio in precedenza occupato dall'antica piazza del comune.
Non perderti una visita alla Basilica di Sant'Ubaldo quasi in vetta al monte Ingino, raggiungibile o a piedi con una panoramica ma ripida passeggiata, o con una comoda seggiovia, al cui interno sono conservati i famosi Ceri di Gubbio. Sopra l'altare maggiore, entro un'urna, è visibile il corpo del patrono eugubino Sant'Ubaldo, morto nel 1160.
Riscendendo passa per la famosa fontana del Bargello dove, dopo aver compiuto tre giri intorno ad essa ed essere stato "battezzato" con la sua acqua, riceverai simbolicamente la "Patente di matto di Gubbio".

Se vuoi seguire i passi di San Francesco non puoi mancare di fare una visita alla chiesa della Vittorina (XIII secolo) costruita nel luogo in cui, secondo la tradizione, San Francesco incontrò il lupo di Gubbio.

Vivi Gubbio tutto l'anno: i festival musicali, la magia del Natale con l'Albero più grande del mondo, i mercatini e i presepi, la Festa dei Ceri, le rievocazioni storiche, le mostre d'arte e i concerti. Gusta i sapori del territorio come i pregiati tartufi e le buonissima crescia. Scopri le antiche tradizioni artigianali visitando botteghe e laboratori, vivi questo e tanto altro…